SCOMMESSE BASKET: Avellino-Milano, la vittoria esterna non è in discussione

AVELLINO – Il posticipo della terza giornata della Serie A Beko è un’interessantissima sfida tra Avellino e Milano, non solo dal punto di vista sportivo ma anche delle scommesse. Le due formazioni sono appaiate in classifica con 2 punti: gli irpini hanno vinto a fatica la prima in casa contro la cenerentola Pesaro e perso – male – a Reggio Emilia la settimana scorsa. Milano invece è partita cadendo a Trento e poi dominando il derby con Varese.

 

alessandro-gentile

 

Nonostante l’EA7 sia reduce dalla vittoria con finale thrilling all’esordio in Eurolega venerdì (78-76 contro Vitoria al Forum, sprecando anche 30 punti di vantaggio), gli uomini di Repesa non dovrebbero avere problemi a centrare il secondo hurrà del campionato: troppa la differenza di talento e di fisicità tra le due formazioni.

L’affermazione dei biancorossi di Milano è quotata dai principali siti di scommesse .it intorno a @1,47 e probabilmente qui non c’è abbastanza valore. Interessante invece la vittoria con handicap 4,5 (Milano, cioè, deve vincere di almeno 5 punti), che è quotata @1,86. In questo momento sulla carta tre le due squadre ci sono ben più di 5 punti di differenza, ecco perché vi consigliamo di farci un pensierino.

Anche l’@1,90 della scommessa Under 155,5 (cioè il totale dei punti segnati dalle due squadre non deve superare i 155 punti) è sicuramente molto interessante. Le squadre di Repesa sono famose per costruire i successi su una difesa molto solida che potrebbe tranquillamente limitare Avellino sotto ai 70 punti. A quel punto Milano potrebbe segnarne fino a quasi 90 e la scommessa sarebbe comunque vincente.

Fin qui, il miglior marcatore di Avellino è stato James Nunnelly, autore di un totale di 29 punti, seguito dal centro Riccardo Cervi con 26. Proprio quest’ultimo è stato al centro di un caso quest’estate: la stessa Olimpia Milano ne aveva annunciato il trasferimento, salvo poi annullarlo inizialmente senza spiegarne i motivi.

Solo successivamente, dopo che Cervi aveva già raggiunto un accordo con Avellino, si seppe che lo staff medico dell’EA7 aveva giudicato il centro non idoneo. Pare che il motivo del “no” sia da ricercarsi nelle condizioni instabili delle ginocchia del pivot azzurro.

Lascia un Commento