SCOMMESSE: definita la Legge di Stabilità

ROMA – Dopo la firma posta nelle scorse ore dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stata posta la parola ‘fine’ sulla questione relativa alla Legge di Stabilità 2016, che ha tra i propri punti principali anche quelli che riguardano l’apertura di nuovi centri scommessi e la regolamentazione del gioco online. La legge è stata ora trasmessa in Senato, dove presumibilmente verrà approvata e resa effetttiva, portando dunque a grandi novità anche per la gestione del gioco, sia live che a distanza.

scommesse

In vista della scadenza delle concessioni vigenti, per garantire la tutela degli interessi pubblici nelle attività di raccolta delle scommesse su eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, nel rispetto dei principi e delle regole europee e nazionali, attribuisce con gara da indire dal 1° maggio 2016, mediante procedura aperta, competitiva e non discriminatoria, tutte le concessioni per la raccolta delle predette scommesse.

La licenza per i suddetti centri scommesse, che saranno 15.000 e non più 20.000 com’era stato inizialmente annunciato, non potranno superare i nove anni e non sarà rinnovabile. La base d’asta per chi vorrà aprire centri scommesse sarà di 32.000 euro per chi commercializza principalmente prodotti di gioco pubblici, e di 18.000 euro per chi li commercializza in maniera accessoria.

Passiamo ora all’argomento relativo al gioco online. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli bandisce entro il 31 luglio 2016 anche una gara per la selezione, mediante procedura aperta, competitiva e non discriminatoria, di 120 concessioni per la commercializzazione dei suddetti giochi a distanza.

Inoltre, è previsto un aumento del Prelievo Erariale Unico (Preu) sia per le slot machine che per le videolottery, rispettivamente al 15% e al 5,5%, e sono state date nuove disposizioni per le sale bingo: ce ne sono ancora 210 attive nonostante la scadenza della concessione fosse prevista per il triennio 2013-2015, mentre per le altre sarà possibile ottenere una proroga per il 2016.

Lascia un Commento