RAPINA: a Livorno vittima un’altra sala slot e scommesse

LIVORNO – Notte di terrore, quella tra sabato e domenica scorsi, in una sala per le slot machine di Livorno. Un uomo ha fatto irruzione coprendo la propria testa con un casco, ha estratto una pistola e ha piazzato un colpo da ben 8.000 euro, ovvero l’intero incasso della giornata del locale.

slot machine

Un ladro con l’obiettivo di compiere una rapina, ha fatto irruzione in una sala per le slot machine di Livorno: la Admiral Club di viale degli Avvalorati, nella notte tra sabato e domenica scorsi. L’uomo indossava un casco in testa per non farsi riconoscere, è stato abile e veloce nel dirigersi verso la cassa, dove una commessa si è vista puntare una pistola addosso e ha dovuto assecondare le richieste del malvivente.

La commessa non ha avuto altra scelta e ha aperto la cassa, che conteneva gli incassi delle ultime ore, per un totale di circa 8.000 euro. Il furfante autore della rapina, ha agguantato l’incasso, se lo è infilato in tasca ed è andato via senza che nessuno si accorgesse dell’accaduto e, di conseguenza, potesse intervenire per difendere la giovane e impaurita cassiera.

Solo dopo che la cassiera ha chiamato la polizia, le persone intente a giocare all’interno della sala hanno preso coscienza della rapina accaduta a loro insaputa. La ragazza, in evidente stato di shock e fortemente provata, ha ricevuto i soccorsi dei volontari della Misericordia di Livorno, giunti sul posto assieme a due volanti della Polizia.

Quella dell’Admiral Club è stata la quarta rapina negli ultimi sette giorni per esercizi commerciali in quel di Livorno. Tra i pochi elementi che la cassiera della sala slot è riuscita a fornire agli investigatori, due possono essere decisivi: il ladro era alto intorno al metro e 70 centimetri, e ha tradito un evidente accento tipico dell’Europa orientale.

Un personaggio dalle caratteristiche simili è stato descritto poco dopo una rapina effettuata in un’altra sala per le slot machine del comune labronico, il Terry Bell di piazza della Repubblica.

Lascia un Commento