VIDEOPOKER: La GdF sequestra quattro terminali a Nocera

NOCERA INFERIORE – La Guardia di Finanza di Scafati ha sequestrato quattro videopoker e una quantità non specificata di denaro contante in un bar situato nel centro di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. I membri della Compagnia di Scafati erano impegnati nelle normali attività di controllo del territorio e di repressione dei traffici illeciti.

 

Videopoker

 

Questo genere di giochi è stato dichiarato illegale nell’ormai lontano 2003 dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ex Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, meglio nota come AAMS). Nel bar del centro di Nocera Inferiore era stata adibita un’area soppalcata con le quattro ‘macchinette’ in questione.

Non solo si trattava, come detto, di quei videopoker ormai illegali da 12 anni: questi strumenti erano stati appositamente taroccati tramite software per ridurre al minimo le probabilità di vittoria da parte dei giocatori, che così spendevano i loro soldi praticamente con la certezza che non li avrebbero mai rivinti.

Ovviamente i baschi verdi hanno provveduto al sequestro penale ed amministrativo dei videopoker trovati nel bar e naturalmente del denaro contante che è stato trovato al loro interno – cifra che come detto non è stata specificata.

Allo stesso modo, dopo l’intervento della Polizia, il titolare del bar (un italiano sulla sessantina d’anni) è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Nocera Inferiore, con l’accusa di esercizio del gioco d’azzardo mediante apparecchi illegali.

In base al Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (Regio Decreto n. 773 del 1931), l’uomo dovrà pagare una sanzione pecuniaria del valore di 28.000 euro, come da denunci all’autorità amministrativa competente.

Un altro intervento felice della Guardia di Finanza e del Comando Provinciale di Salerno, da sempre molto attivo nel settore del gioco d’azzardo e nelle scommesse illegali, sia dal punto di vista della repressione sia da quello della prevenzione di eventuali illeciti.

Lascia un Commento