GOVERNO: convegno sul gioco alla Camera

ROMA – Giornata cruciale nella Camera dei Deputati, dove si è svolto un convegno che ha come tema il gioco in tutte le sue sfaccettature. Tra gli interventi più interessanti, spiccano quelli del sottosegretario all’Economia con delega ai Giochi, Pier Paolo Baretta, ma anche di Don Armando Zappolini, della campagna ‘Mettiamoci in gioco‘.

baretta

La Camera dei Deputati ha aperto oggi le porte a un interessante convegno, che aveva come materia al centro del dibattito il gioco in tutte le sue sfaccettature. Un incontro molto interessante, visto che una delle parti cruciali della nuova Legge di Stabilità presentata dal Governo riguarda proprio la presenza di nuovi centri scommesse e sale slot nel nostro Paese.

Tra gli altri ha preso la parola Pier Paolo Baretta, sottosegretario all’Economia con delega ai Giochi: “Credo che lo stato di allerta sul gioco da parte dello stato non sia solo fiscale ma anche etico e sociale. Negli ultimi 8 anni ci è scappata di mano la situazione, c’erano buone intenzioni, come limitare il gioco illegale, ma poi si è dato corso a un eccesso di offerta. Probabilmente anche per questa ragione è venuto meno il punto di equilibrio tra gioco come intrattenimento e gioco come compulsività“.

“Una mancanza di equilibrio che – prosegue l’esponente del Governo Renzi – ha portato alla volontà di ricostruire una giusta cognizione sulla materia. Non dobbiamo poi dimenticare che c’è un’industria del gioco che va considerata. Il Parlamento ci ha dato un incarico ma in un contesto culturale non pronto per una discussione pacata“.

Tra i protagonisti del convegno anche don Armando Zappolini, esponente della campagna “Mettiamoci in gioco“: “Il divieto di pubblicità è una scelta su cui puntiamo e che ha ispirato anche il disegno di legge parlamentare accolto in maniera trasversale a livello politico. Lo Stato deve essere facilitatore di un percorso che tuteli prima la salute dei cittadini. Poi si può fare anche business“.

Anche Massimiliano Pucci, vicepresidente di Sistema Gioco Italia, ha espresso pareri allarmanti sulla situazione del gioco nel nostro Paese: “Dobbiamo capire se il gioco vogliamo abolirlo o meno. Oggi il sistema del gioco legale è a rischio estinzione. Se vogliamo mantenere questo settore, non dobbiamo opporci per partito preso“.

Lascia un Commento