CASINÒ: nuovo piano di rilancio per Saint Vincent, approvato mutuo da 20 milioni

SAINT VINCENT – Nuovo piano ideato per tentare il rilancio definitivo del Casinò de la Vallee di Saint Vincent. Durante l’audizione condotta dal nuovo staff dirigenziale, è stato anche reso noto il parere positivo per un nuovo mutuo da 20 milioni di euro per dare il via alle nuove iniziative.

saint vincent frontale

Giornata fondamentale, quella appena trascorsa nelle stanze occupate dai vertici del Casinò de la Vallee di Saint Vincent. La IV commissione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, infatti, ha ricevuto in audizione l’amministratore unico del Saint Vincent Resort & Casino Lorenzo Sommo e il direttore generale Gianfranco Scordato.

I due nuovi dirigenti della struttura valdostana hanno esposto il loro piano per il rilancio del Casinò, ponendo anche l’accento su ciò che è già stato fatto per provare a ridare ossigeno a una delle quattro case da gioco presenti sul territorio nazionale.

Si è parlato in primis degli interventi fatti sul piano della riorganizzazione interna, con la semplificazione del quadro organizzativo che ha portato alla riduzione nelle tre aree fondamentali, ovvero produzione, servizi e amministrazione, che ha portato anche a un deciso decremento delle spese sul piano del personale.

Dopodichè si è passati a tutta una serie di interventi previsti da Sommo e Scordato per rilanciare in maniera definitiva l’immagine del Casinò. Si punta a una ulteriore riduzione dei costi di lavoro e a un aumento degli introiti, quest’ultimo dovuto soprattutto a un utilizzo più efficiente delle risorse a disposizione.

Si passa dunque dal tentativo di accorpare reparti che svolgono attività simili o complementari tra loro, e che dunque possono integrarsi a vicenda, al tentativo di mantenere intatta l’offerta di giochi attualmente in vigore, effettuando delle modifiche solo sul piano dei costi e dei rischi per gli avventori della struttura.

Nel frattempo, il Consiglio regionale della Valle d’Aosta ha approvato la richiesta di un nuovo mutuo, da 20 milioni di euro, avanzata proprio da Sommo e Scordato nel corso della loro audizione. Si tratta di un primo passo per favorire il rilancio del Casinò.

L’obiettivo da parte dei vertici della struttura è quello almeno di mantenere i numeri fatti segnare finora, con un fatturato che sfiora i 70 milioni di euro e la possibilità di accogliere circa 700 lavoratori al proprio interno, tra il casinò e l’albergo adiacente.

Lascia un Commento