SLOT MACHINE: più macchinette in Sardegna, ma in Lombardia si spende di più

ROMA – Una indagine da parte del gruppo Espresso ha reso noti i dati relativi alla presenza di sale per le slot machine nei confini nazionali. Sardegna, Molise e Abruzzo sono le regioni con una concentrazione più alta di macchinette nel nostro Paese.

slot-machines

Con l’arrivo del mese di dicembre ormai prossimo, inizia il momento dedicato a tutta una serie di bilanci di fine anno. Uno dei più interessanti riguarda certamente la presenza di sale per le slot machine e del denaro speso dai privati cittadini per il gioco d’azzardo.

Stando ai dati forniti nelle scorse ore dall’Agenzia delle Entrate e dai Monopoli di Stato, l’Italia è un Paese con oltre 90mila esercizi autorizzati a installare macchinette nei propri locali. Gli incassi per lo Stato sono diminuiti di una quota analoga, passando da 8,2 a 8 miliardi di euro nel giro di un anno.

Passando ai dati su tiratura regionale, sono la Sardegna e il Molise i territori in cui c’è una maggiore presenza di sale autorizzate a contenere slot machine al proprio interno. Entrambe le regioni fanno segnare un dato di 22 locali autorizzati ogni 10.000 abitanti, mentre al terzo posto troviamo l’Abruzzo con 19,2 locali ogni 10.000 abitanti.

Le regioni con la minore densità di sale slot autorizzate sono la Sicilia e il Trentino Alto Adige, che fanno segnare entrambe il dato di 10 licenze ogni 10.000 abitanti: ma se nel caso trentino si ha un riscontro più dettagliato relativo al comune di Bolzano (5 autorizzazioni ogni 10.000 abitanti), nel caso isolano si sospetta una forte attività non autorizzata.

Passando invece al flusso di denaro legato alle slot machine, i dati cambiano in maniera quasi radicale. La regione in cui si spende di più per giocare alle macchinette, infatti, è la Lombardia, con una media pro capite di poco superiore ai 1.000 euro: poco dietro troviamo l’Emilia Romagna, con 970 euro a testa, e l’Abruzzo con 917 euro.

Agli ultimi posti, invece, troviamo tre regioni meridionali: Basilicata, con una spesa di 498 euro pro capite; Calabria, in cui i cittadini spendono 478 euro a testa per le slot machine; Sicilia, dove ogni residente spende in slot solo 355 euro l’anno.

Lascia un Commento