SLOT MACHINE: arrestato un rapinatore seriale romeno

PALMANOVA – Si era reso protagonista di una serie di furti, soprattutto con cellulari e slot machine che finivano regolarmente nel suo mirino. Ma i colpi messi a segno da un cittadino romeno sono stati bloccati dall’intervento dei carabinieri di Palmanova, in provincia di Trieste: così è scattato l’arresto.

carabinieri auto

I carabinieri di Palmanova, comune in provincia di Trieste, sono finalmente riusciti a mettere le mani su Inaut Alin Ionita, uomo di 28 anni di nazionalità romena, che nei giorni scorsi si era reso protagonista di una serie di rapine, che prevedevano i furti soprattutto di slot machine e cellulari.

Il soggetto, domiciliato a Milano, aveva effettuato un furto in una sala slot di Porpetto, simile nella dinamica a uno avvenuto i primi di dicembre a Cervignano nel complesso della Coop. Per questo colpo, era già stato arrestato nei giorni scorsi un altro uomo di nazionalità romena.

L’uomo che era stato arrestato era stato il principale artefice della rapina, mentre il suo complice, il già citato Ionita, era riuscito ad evitare la cattura. Ma dopo avev messo a segno il colpo presso la sala giochi di Porpetto, i carabinieri del Nucleo operativo sono riusciti ad identificarlo.

Così, intorno alle 13 della giornata di venerdì, è stato completato l’arresto del secodo romeno, già noto alle forze dell’ordine per alcuni reati e sul quale pendeva anche un ordine di custodia cautelare. E la dinamica del suo arresto è da definire a dir poco inusuale.

Ionita, infatti, aveva appena accompagnato una parente ad un colloquio con un congiunto alle carceri udinesi di via Spalato. Ma all’uscita dal penitenziario, ad attenderlo c’erano proprio i carabinieri del Nucleo Operativo di Palmanova, i quali sono riusciti ad eseguire l’arresto.

Le accuse formulate nei confronti di Inaut Alin Ionita sono di concorso in rapina e furto, ma sono ancora in corso le indagini per un furto e un tentato furto avvenuti martedì scorso, sempre a Palmanova, e dei quali il romeno potrebbe essersi reso responsabile.

Lascia un Commento