SCOMMESSE: sigilli a un centro nel Casertano

CASERTA – Si è conclusa nelle scorse ore l’attività di un centro scommesse situato in una delle piazze di Aversa, in provincia di Caserta. Il locale non disponeva delle autorizzazioni necessarie, oltre a servirsi di un operatore per le puntate che non era autorizzato dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato.

carabinieri scommesse

Raccoglieva giocate in forma telematica tramite un operatore non autorizzato dall’Aams, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Così, i carabinieri della stazione di Aversa hanno posto i sigilli a un centro scommesse di piazza Marconi del comune in provincia di Caserta.

Il locale è stato chiuso in seguito ad un’ispezione effettuata dai vigili urbani, i quali con l’ausilio prezioso dei suddetti carabinieri della zona hanno potuto riscontrare le irregolarità di questo esercizio commerciale, arrivando dunque alla chiusura del punto sulla base delle norme vigenti in materia.

Questa ispezione fa parte di un ciclo di controlli, che le forze dell’ordine hanno avviato nel territorio di Caserta e dei comuni limitrofi per combattere la piaga della raccolta di puntate in forma abusiva, cioè con alcuni bookmakers con sede all’estero, che non sono dunque abilitati per operare nel nostro Paese.

Il giovane gestore del centro scommesse, oltre ad aver subito la chiusura del proprio punto di raccolta delle giocate, potrebbe anche essere indagato per esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa, visto che, oltre ad essersi servito di un bookmaker illegale, ha anche aperto il centro senza disporre delle necessarie autorizzazioni.

Al momento in cui ha aperto la propria attività, il gestore del locale aveva infatti giustificato il tutto dichiarandolo come un centro di elaborazione dati, per poi affiancarlo con la reale motivazione, ovvero la “trasformazione” in centro di raccolta delle puntate.

A guidare questa operazione, completata con successo nel pomeriggio appena trascorso, è stato il comandante della polizia municipale di Aversa, Stefano Guarino.

Lascia un Commento