SCOMMESSE: macedone tenta il colpo, ma viene arrestato

ALBA ADRIATICA – Un uomo di nazionalità macedone è stato arrestato nella notte tra domenica e lunedì ad Alba Adriatica, in provincia di Teramo. L’accusa formulata nei suoi confronti dai carabinieri del comune abruzzese è il furto nei confronti di un centro scommesse.

carabinieri-notte

È avvenuto tutto nel giro di pochi minuti, nella notte tra sabato e domenica, quando un centro scommesse di Alba Adriatica, in provincia di Teramo, è finito nel mirino di un ladro isolato che ha agito con il favore dell’oscurità stava per riuscire a piazzare un colpo importante.

Così i carabinieri del radiomobile, nel corso di un controllo straordinario effettuato nel weekend tra lo stesso comune di Alba Adriatica e quello adiacente di Tortoreto, hanno messo nin manette Nexhbedin Sali, 24enne macedone, senza fissa dimora ma abitante a Teramo.

Le accuse nei confronti di Sali sono il furto aggravato ai danni del locale adibito alle scommesse e il possesso ingiustificato di attrezzi utilizzati per lo scasso, proprio nel corso del colpo per cui è stato incriminato poche ore dopo aver fatto il tentativo.

Il giovane, che probabilmente ha agito affiancato altri complici, si era posto in prima persona per forzare la porta di ingresso del centro scommesse, provando ad approfittare del fatto che fosse ormai notte inoltrata e che nessuno riuscisse a vederlo, nè tantomeno a riconoscerlo.

Tuttavia, il giovane macedone non ha fatto i conti con una guardia giurata, che si era ritrovata a passare per caso dalla strada in cui stava avvenendo il furto, e non appena si è accorto che qualcosa non andasse ha effettuato subito una chiamata al 112 per avvertire i colleghi.

Così, nel giro di pochi minuti alcuni carabinieri del nucleo radiomobile si sono recati sul posto, e non appena si sono accorti dei danni praticati alla saracinesca del centro scommesse hanno fatto la necessaria irruzione, per vedere se qualcuno fosse ancora dentro al locale.

Così, nascosto dentro al bagno di cui era dotato il centro, le forze dell’ordine hanno trovato Nexhbedin Sali, che è stato subito tradotto in centrale per svolgere l’interrogatorio di rito. Sono ancora in corso le indagini per capire se il macedone fosse affiancato da uno o più complici, o se ha agito in solitaria.

Lascia un Commento