SCOMMESSE: minacce per via delle slot, un arresto

PALERMO – Un uomo di 75 anni è stato denunciato dagli agenti di polizia di Palermo, per aver brandito una pistola, in suo possesso in maniera abusiva, all’interno di un centro scommesse. Il motivo? Un altro cliente del locale non gli consentiva di sedersi per giocare alle slot machine.

slot

Pistole e scommesse in corso Calatafimi, una delle strade principali di Palermo. Sono dovuti intervenire gli agenti di polizia del commissariato di zona, sabato pomeriggio nel capoluogo siciliano, per fermare un uomo di 75 anni che brandiva una pistola dentro a un noto centro scommesse.

L’uomo è stato denunciato per minacce e porto abusivo di armi da fuoco. La chiamata alla polizia è stata effettuata da uno dei clienti del locale, che ha segnalato la presenza di un soggetto con una pistola in proprio possesso, e che stava destabilizzando gli altri presenti sul posto.

Quando gli agenti hanno fatto il loro ingresso nel locale, hanno appreso direttamente da alcuni testimoni che a provocare scompiglio e generare paura tra i tanti presenti era stato un anziano, che in quel momento era impegnato a giocare con una slot machine.

L’uomo, che in base alle dichiarazioni del titolare del centro scommesse era un abituale frequentatore del locale, nonchè incallito giocatore, aveva in precedenza litigato con un altro cliente, proprio per la scelta di una slot machine, e per spaventarlo aveva estratto una pistola a tamburo, minacciandolo di morte.

Ricondotto a più miti propositi da dipendenti e clienti, il 75enne era tornato a casa per lasciare la pistola ed era ritornato nel centro scommesse per giocare alle slot machine, come se nulla fosse successo nei minuti precedenti.

Dalla questura di zona, i cui agenti hanno intimato l’uomo di lasciare il posto per evitare qualunque strascico, fanno sapere che il soggetto incriminato aveva lasciato il centro con fastidio, perché era stato costretto dalle forze dell’ordine ad interrompere le puntate alle macchinette.

L’uomo ha accompagnato i poliziotti nel suo appartamento, dove è stata ritrovata la pistola a tamburo, carica con sei cartucce. Sempre dalla questura fanno sapere che le armi e le munizioni in possesso del 75enne sono state sequestrate, mentre sono in corso indagini per accertare la lecita detenzione.

Lascia un Commento