SCOMMESSE: nuovo furto con spaccata nel Bellunese

PERAROLO – Ladri in azione a Perarolo di Cadore, piccolo comune in provincia di Belluno. Nella notte appena trascorsa, infatti, è stato effettuato un colpo ai danni di un centro scommesse, con due slot machine che sono state svuotate del loro contenuto, per un danno che supera i mille euro.

spaccata

Il piccolo comune di Perarolo di Cadore, sito in provincia di Belluno, stamattina si è svegliato con una notizia sicuramente poco edificante, che ha fatto nuovamente scattare l’allarme in merito alla sicurezza nei confronti degli esercizi commerciali della zona, in particolare di un centro scommesse già colpito in passato.

Nella notte tra martedì e mercoledì i ladri hanno spaccato una finestrella che si affaccia sull’area verde retrostante e si sono introdotti nell’esercizio rompendo due slot machine e razziando il fondo cassa. Le altre slot non sono state toccate perché vengono lasciate aperte e vuote.

Nessuno, nelle vicinanze, è riuscito a sentire rumori o allarmi, visto che i ladri hanno provveduto a spaccare la sirena installata esternamente, sopra l’ingresso. Ma la telecamera interna ha ripreso tutto e il video sarà un’utile traccia per le indagini da parte delle forze ell’ordine.

La scoperta è stata fatta alle prime luci del mattino quando il titolare, il quarantaduenne Wang Young Rui residente a Camisano Vicentino, è arrivato in via Diaz ma non è riuscito ad aprire l’ingresso principale in quanto i ladri, nella concitazione del momento, hanno danneggiato anche la serratura.

L’uomo ha chiamato i carabinieri, i quali hanno inviato sul posto una pattuglia di Pionca di Vigonza. I militari hanno accertato i fatti e trovato che anche la serratura di un vicino negozio vuoto, dove fino a pochi giorni fa c’era una gelateria, era stata danneggiata.

Il danno non è ancora stato quantificato, ma in base a un primo inventario è stato dichiarato intorno a diverse centinaia di euro. Il centro scommesse è già stato al centro di alcuni colpi, con l’ultimo che risale all’aprile 2014. Si trattò di una spaccata col tombino e fruttò un cambiamonete.

Nel 2010 lo stesso locale è stato vittima di un’altra spaccata con furto del cambiamonete contenente 3mila euro mentre nel maggio 2010, con la gestione di un altro bookmaker: in quel caso i ladri praticarono un foro sul muro della gelateria, entrarono e aprirono la cassaforte razziando 30mila euro.

Lascia un Commento