SCOMMESSE: sequestrate due sale a Formia

LATINA – Frenetica attività della polizia di Formia, che sotto la guida della Questura di Latina ha messo in atto il sequestro di due centri scommesse nel comune pontino. Si tratta di provvedimenti dovuti per la mancanza di autorizzazioni emesse dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato.

texas hold'em

La Questura di Latina, nell’ambito di specifica attività di contrasto al gioco d’azzardo ed al fenomeno della ludopatia o gioco d’azzardo patologico, ovvero l’incapacità di resistere all’impulso di giocare d’azzardo, che può arrivare a distruggere la vita delle persone, ha dato avvito ad una serie di mirati controlli.

Nel corso di tale attività, il personale del Commissariato di polizia di Formia ha verificato le posizioni amministrative di oltre quindici esercizi commerciali nei comuni di Formia e Minturno, giungendo a denunciare i relativi titolari alla Procura di Cassino, la quale sta valutando le posizioni dei singoli esercenti indagati.

I controlli degli agenti del Commissariato di Formia hanno anche originato due provvedimenti di sequestro emessi dal Tribunale di Cassino a carico dei titolari di altrettante sale scommesse non autorizzate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato (AAMS).

Pertanto sono state poste in sequestro le apparecchiature informatiche, PC e Router, che consentono tramite collegamento telematico la raccolta di eventi e di scommesse sportive non consentite dalla legge, operando in violazione dell’art. 4 bis L. 401/89 in relazione all’art. 88 T.U.L.P.S.

Le sale scommesse sono ubicate in Formia via Rotabile ed in via Ferrucci, e i titolari delle suddette attività commerciali dovranno attenersi ai provvedimenti restrittivi resi noti dalla Questura di Latina, in attesa di sapere quando potranno riprendere le loro regolari mansioni.

Si tratta di provvedimenti che vanno ad attuare una serie di attività, avviate dalle forze dell’ordine in comunione con le istituzioni locali e nazionali, per ridurre al minimo il fenomeno della ludopatia, sempre più dilagante tra gli abitanti del nostro Paese.

Lascia un Commento