SLOT MACHINE: flash Mob nel weekend a Latina

LATINA – Il 24 aprile giornata contro le slot machine a Latina. Il movimento “Slot Mob” ha lanciato l’idea di organizzare degli eventi collettivi di cittadinanza attiva e responsabile, per premiare quei bar che nel Comune pontino hanno scelto di dire no agli incassi delle slot machine.

slot mob

Il 24 aprile giornata contro le slot machine a Latina. Il Movimento dei Focolari insieme ad AGESCI, Croce Rossa italiana, Imperium, Libera, Lu(ri)doteca, Liceo Scientifico Grassi, MASCI, Associazione Mammucari e Saman, promuove una giornata di sensibilizzazione sulla presenza invasiva ossessiva e crescente del gioco d’azzardo e sulle ludopatie.

Il movimento “Slot Mob” ha lanciato l’idea di organizzare degli eventi collettivi di cittadinanza attiva e responsabile, per premiare quei bar che, anche a Latina, hanno scelto di dire no agli incassi delle slot machine.

È lo Slot mob numero 119 in Italia, ma il primo nella città pontina, che si situa al 6° posto nel business del gioco d’azzardo legalizzato. La Regione Lazio, inoltre, ha finanziato l’istituzione di sportelli di informazione e prevenzione e cura del gioco d’azzardo patologico in tutti i comuni.

In Italia sono tra 767.000 a 2.296.00 le persone a rischio dipendenza, famiglie distrutte, numerosi casi di suicidi per i troppi debiti, senza contare le infiltrazioni mafiose che riciclano denaro attraverso le sale Slot e i casi di usura sempre più in aumento.

La sensibilizzazione comincia dalle scuole. Per questo, in preparazione allo Slotmob del 24 aprile, sono previsti nei licei incontri formativi per studenti sul tema delle dipendenze, come quelle da internet, chat, shopping compulsivo, gioco d’azzardo, sesso e griffe.

Dietro ai quattro locali interessati, si incrociano scelte personali e storie coraggiose. In questi esercizi commerciali saranno presenti quanti hanno aderito all’iniziativa con testimonianze, proiezioni, momenti di festa, musica e di riflessioni.

“Mille euro è l’incasso netto mensile di un esercente su ogni macchinetta. Si può immaginare quindi come la scelta di togliere le macchinette sia davvero controcorrente”, dichiara Eugenia Passone, uno degli organizzatori dell’iniziativa.

“Per questo abbiamo deciso di premiare quei bar che lo hanno fatto, sostenendo la loro attività. Cittadini mobilitati per il buon gioco – è il nostro motto – perché un bar senza slot ha più spazio per le persone. Ti aspettiamo il 24 aprile, per continuare poi, su tutto il territorio nazionale, con la maratona Slotmob il 7 maggio”.

“Vorremmo riappropriarci di un diritto: il poter giocare, ma soprattutto, riportare al centro la relazione fra le persone, per questo vorremmo allestiremo la Tenda del Buon Gioco con numerosi giochi da tavolo, per persone di ogni età. Anche i ragazzi e i bambini avranno il loro spazio privilegiato”, prosegue Giuseppe Ardolino, un altro organizzatore.

La campagna Slotmob è nata a luglio 2013, promossa da vari esponenti della Società Civile, per combattere il problema del gioco d’azzardo legalizzato che sta dilagando in Italia. Lo scorso 13 aprile è stato presentato presso la sala stampa della Camera dei Deputati il “Manifesto per la democrazia economica e la giustizia sociale”.

Lascia un Commento