SLOT MACHINE: furto a Cento, preso uno dei ladri

CENTO – Furto nella notte appena trascorsa in un bar di Cento. Tre ladri hanno portato via due slot machine e hanno avviato la fuga, ma per uno di loro c’è stato poco da fare, visto che i carabinieri della compagnia di zona lo hanno rintracciato per poi metterlo in manette.

Carabinieri-posto-blocco-notturno

La notte tra mercoledì e giovedì è stata molto turbolenta in un bar di via Pisacane a Cento, visto che tre soggetti sono riusciti a fare il loro ingresso nel locale, e in seguito hanno prelevato due slot machine, per poi tentare la fuga.

Ma i loro movimenti subito dopo la buona riuscita del colpo non sono sfuggiti all’occhio vigile di un cittadino, il quale si è accorto della presenza di tre loschi figuri e non ha perso tempo nell’allertare le forze dell’ordine, con i carabinieri che sono intervenuti nel più breve tempo possibile.

I militari del Norm sono dunque entrati in azione, e hanno iniziato a perlustrare la campagna che circonda la zona di Cento dov’è presente il bar che ha subito il furto delle slot machine, e sono anche riusciti ad individuare uno degli autori della rapina.

Le sue iniziali sono I.O., ha 24 anni ed è di nazionalità romena. Il ragazzo, dopo essersi reso conto di essere stato scoperto dalle forze dell’ordine, ha provato a darsela a gambe, ma la sua fuga dai tutori della legge non è poi durata così tanto.

I carabinieri, infatti, sono riusciti a raggiungere il malvivente romeno nei pressi della recinzione di un cantiere edile, e nonostante il ladro non avesse desistito e avesse incominciato a dimenarsi, scalciando violentemente e colpendo alcuni dei militari intervenuti, non c’è stato molto da fare.

La violenza nei confronti degli agenti, infatti, non ha però impedito a uno dei membri della banda di ritrovarsi con le manette ai polsi, e quella poteva essere una denuncia per furto si è trasformata in un arresto per rapina impropria.

La refurtiva è stata restituita all’avente diritto ma i militari hanno riportato lesioni giudicate guaribili in venti e quindici giorni. L’arrestato dopo le formalità di legge è stato tradotto presso la casa circondariale di Ferrara.

Le indagini proseguono per trovare gli altri due complici, anche se per il momento i responsabili delle ricerche stanno brancolando nel buio, visto che il ladro di slot machine che è già stato acciuffato non sembra intenzionato a fornire la propria collaborazione.

Lascia un Commento