SLOT MACHINE: gestore di una sala trovato ucciso nel Bergamasco

BERGAMO – Un uomo di nazionalità cinese è stato trovato fuori nelle campagne poco fuori Albano Sant’Alessandro, comune in provincia di Bergamo. Potrebbe trattarsi di omicidio, considerando anche il fatto che l’uomo era anche il gestore di una sala per le slot machine.

Carabinieri2

È una probabile vittima di omicidio, l’uomo che è stato ritrovato morto intorno alle 11 del mattino in un’area pic nic nei boschi sopra Albano Sant’Alessandro, in provincia di Bergamo. Si tratta del gestore di una sala per le slot machine della zona.

A trovarlo, riverso su un sentiero, è stato un passante, che ha immediatamente chiamato i soccorsi non appena si è accorto della presenza del cadavere. Gli operatori del 118 hanno però constatato che per l’uomo a terra non c’era più nulla da fare e hanno avvertito le forze dell’ordine.

Un primo sopralluogo, effettuato pochi minuti dopo l’arrivo della segnalazione da parte dei carabinieri e dal pubblico ministero di Bergamo Gianluigi Dettori, ha consentito di effettuare l’identificazione dell’uomo che è stato vittima di questo efferato omicidio.

Si tratta di un cittadino di origine cinese, che stando alle prime indagini effettuate risiedeva ad Albano Sant’Alessandro dove gestiva una sala per le slot machine, che subito dopo il ritrovamento del cadavere del titolare è stata subito messa sotto sequestro dalle forze dell’ordine.

Secondo le prime indiscrezioni emerse dai controlli effettuati nel sentiero di Albano Sant’Alessandro, il cadavere presenterebbe almeno una ferita da arma da fuoco. La pista che prevale al momento è quella dell’omicidio, ma non si tende ad escludere nessun’altra ipotesi.

Nel frattempo, oltre a cercare di capire se si è trattato davvero di un omicidio, gli investigatori stanno provando a valutare se potrebbe esistere una connessione tra la morte del cittadino cinese e il fatto che l’uomo ucciso gestisse una sala per le slot machine.

Lascia un Commento