SLOT MACHINE: rapina col taser, arrestato 22enne

SAN DONATO MILANESE – Un uomo di 22 anni è stato arrestato nelle scorse ore dai carabinieri. La sua colpa, infatti, è stata quella di aver effettuato una rapina in una sala per le slot machine di San Donato Milanese, in provincia di Milano, per poi minacciare i clienti con un taser per farsi dare altri soldi.

carabinieri-slot

È entrato in una sala per le slot machine e, oltre a farsi consegnare il contenuto dei registratori di cassa, ha rapinato tutti i clienti del locale puntandogli contro un taser, l’arma a scarica elettrica usata solitamente dalle forze dell’ordine per dare la scossa ai malviventi da fermare.

Per questo motivo, nella serata di giovedì è finito in manette un 22enne di nazionalità italiana, che in passato ha avuto precedenti penali per rapina e per reati relativi alle sostanze stupefacenti, residente nelle vicinanze della sala scommesse.

Il fatto è avvenuto a San Donato Milanese, comune sito a pochi chilometri dal capoluogo lombardo, in una piccola sala per le slot machine. Il giovane è entrato nel locale e come prima cosa ha minacciato il personale, facendosi consegnare il denaro presente nei registratori di cassa.

Successivamente, il ladro ha iniziato a chiedere il denaro anche ai clienti presenti impugnando il taser. Subito dopo si è allontanato e il personale della sala ha potuto avvisare i carabinieri che, analizzando i filmati delle telecamere hanno lo hanno riconosciuto.

Il 22enne camminava in un modo particolare, muovendosi a scatti. Questo elemento è stato sufficiente per gli uomini dei carabinieri del comando di San Donato Milanese, i quali hanno potuto fare irruzione nell’appartamento della loro vecchia conoscenza, ritrovando la refurtiva di 2.300 euro portata via dalla sala slot, oltre al taser.

L’uomo, unico autore della rapina alla sala per le slot machine, è stato dunque arrestato per rapina e anche per detenzione di armi non autorizzata, in quanto in Italia i taser possono essere importati solo con autorizzazione e possono essere detenuti da chi ha il porto d’armi.

Nel corso della rapina, tra l’altro, il 22enne aveva puntato il taser contro un cliente entrato da pochi secondi dentro al locale, quando il colpo era già a buon punto. La scossa ha provocato un leggero shock al giovane, il quale è stato portato al pronto soccorso, ma ora sta bene.

Lascia un Commento