SLOT MACHINE: raffica di multe nei bar di Monza

MONZA – Continua la lotta alla diffusione delle slot machine e del gioco d’azzardo nel nostro Paese. Il teatro della nuova caccia alla macchinette fuorilegge è questa volta Monza, dove sono state inflitte una serie di multe ai danni di bar e locali pubblici che presentavano un numero di totem superiore a quello previsto.

signora slot

In una decina di giorni guadagnava occhio e croce 7mila euro a macchinetta. Tenuto conto che di apparecchiature ne aveva dieci nel suo bar tabaccheria, il conto è presto fatto. Peccato per lui che almeno due delle macchinette fossero sovrannumero rispetto alla metratura del locale.

E per giunta fossero posizionate in maniera contraria ai rigidi dispositivi di legge. Un bar di via Italia a Monza è stato multato complessivamente di 4mila euro: mille per ogni mancanza, raddoppiata visto che la stessa sanzione è stata comminata sia al titolare del bar che al gestore delle slot machine.

Si è aperta ufficialmente la guerra da parte della Polizia locale alle slot machine e alle ludopatie in città. Del resto a Monza, ci sono 856 slot machine. Che devono però sottostare a una rigorosa – quanto complessa – disciplina.

Ed è proprio in questo che la Polizia monzese si è specializzata negli ultimi tempi, studiando lunghi e complessi disciplinari, tanto da esser diventata punto riferimento per altri comandi della Brianza. Il risultato di tanti sforzi lo si è visto ad esempio lunedì, quando sono andati in scena i controlli in collaborazione con i Monopoli di Stato.

Il primo controllo, appunto, è stato in via Italia. Il secondo invece in un bar tabacchi gestito da cinesi in via Lecco: in questo frangente, su cinque slot macchine, una era di troppo, oltre al fatto che le apparecchiature non erano posizionate correttamente, con i giocatori più sfegatati di tenere sott’occhio contemporaneamente più postazioni.

Ora i locali in questione dovranno rimuovere le slot sovrannumero – già spente dai vigili – a proprie spese, un’ordinanza ad hoc firmata dal sindaco è già in viaggio. Se non lo faranno nei tempi previsti, incorreranno in ulteriori sanzioni e si vedranno rimuovere le slot dalla stessa Polizia locale.

Mentre erano in corso i controlli, e mentre dunque gli agenti provvedevano a rimuovere temporaneamente le slot in modo da verificarne dati e funzionamento, alcuni giocatori hanno continuato imperterriti a giocare alle slot machine, per non perdere una presunta titolarità sulla macchina e sui soldi già investiti sino a quel momento al suo interno.

Stessa scena con cui si sono trovati di fronte poco tempo fa gli agenti, chiamati a intervenire per riportare alla calma un giocatore che pretendeva di non mollare la slot machine in cui aveva appena speso ben 400 euro in pochi minuti.

Lascia un Commento