POKER: WSOP, Main Event senza italiani

LAS VEGAS – Non ci sono più italiani in corsa per la conquista del braccialetto più ambito in queste World Series of Poker, quello del Main Event. Alessandro Meoni, unico superstite ai nastri di partenza del Day 5, ha infatti conosciuto la delusione dell’eliminazione al 164esimo posto. Ci sono ancora ottanta giocatori in gioco.

meoni wsop

Dopo oltre una settimana in cui abbiamo sperato, abbiamo vissuto emozioni e – diciamocela tutta – abbiamo fatto tutto il tifo possibile, si interrompe la spedizione italiana nel Main Event delle World Series of Poker, in cui si è concluso nella tarda mattinata italiana il Day 5.

L’ultimo giocatore azzurro a lottare prima di alzare bandiera bianca è stato Alessandro Meoni, il quale ha provato a portarsi più avanti possibile, nonostante abbia dovuto soffrire in vari frangenti del torneo con pochi big blinds davanti a sè, ma riuscendo comunque a piazzare la sua bella bandierina davanti alle decine di connazionali che si sono presentati ai nastri di partenza.

Il player toscano ha dovuto arrendersi al 164° posto, portando a casa un assegno da oltre 42.000 dollari. Resta comunque la soddisfazione legata al fatto di aver rappresentato un Paese intero nell’evento più importante dell’anno in questa disciplina, ovvero il Main Event delle World Series of Poker.

Tornando al gioco in corso nelle sale del Rio All-Suite Hotel and Casino di Las Vegas, ci sono ancora ottanta giocatori in corsa per andare a comporre il tavolo finale e darsi l’appuntamento a novembre. Il migliore al termine del Day 5 è stato un americano, Jerry Wong.

Alle sue spalle troviamo l’australiano Jan Suchanek e il redivivo belga Kenny Hallaert, capace di mettersi in mostra già alla fine del Day 2. Non ci sono grandi nomi nelle primissime posizioni, ma tra gli ottanta superstiti ci sono comunque di giocatori molto interessanti da seguire.

Tra questi spiccano soprattutto Paul Volpe, Antoine Saout, Daniel Colman, Max Silver, Dietrich Fast e Tony Gregg. Un dato curioso riguarda il fatto che, tra gli ottanta giocatori ancora in corsa in questo Main Event delle World Series of Poker, solo in due hanno meno di un milone di chips.

Lascia un Commento