SLOT MACHINE: furto a Parma, fermati tre albanesi

PARMA – Tre uomini di origini albanesi sono stati individuati e arrestati dai carabinieri a Bardi, comune in provincia di Parma. I ladri avevano rubato una automobile di grande valore, con la quale sono andati a rapinare un bar contenente slot machine.

furto slot

Tre giovani uomini albanesi, autori di una serie di furti di auto e di una spaccata in un bar contenente slot machine nel pieno centro di Bardi, sono stati incastrati grazie a un’indagine dei carabinieri di Borgotaro denominata “Frank”.

Su richiesta della Procura, il tribunale di Parma ha spiccato un’ordinanza di di custodia cautelare in carcere verso i tre componenti della banda, che sono stati rintracciati nei giorni scorsi in vari comuni della Toscana, come Prato, Sollicciano e Castelfiorentino.

A Bardi è stato riscontrato il tentato furto di un autocarro e di una vettura e il furto di una Bmw. Con quest’ultimo mezzo una banda di ladri ha effettuato una spaccata nel bar Grande in pieno centro, fuggendo con le cassette delle slot machine: un bottino di oltre 4mila euro.

I militari della stazione di Borgotaro hanno attivato posti di blocco in tutta la Valtaro, intercettando la Bmw e una Punto sospetta a Varsi. I due veicoli sono stati inseguiti da una pattuglia fino a Varano Melegari, dove la Punto è stata bloccata e arrestato uno degli occupanti, Z.S. 26enne albanese.

Il giovane si era strappato dalla tuta che indossava durante il colpo al bar una toppa con la scritta “Frank”, che lo rendeva immediatamente riconoscibile dai filmati di videosorveglianza del locale benché avesse agito incappucciato. La toppa è stata rinvenuta sul sedile dell’auto.

In seguito a un’attività d’indagine da parte degli agenti delle forze dell’ordine, sono stati individuati altri due componenti della banda che ha rapinato le slot machine del bar: si tratta di F.F. di 22 anni e e S.C. di 25, due giovani albanesi che all’epoca risiedevano a Bardi.

La Mercedes con tutta la refurtiva e attrezzi da scasso è stata recuperata: i ladri l’avevano abbandonata nella fuga. Nei giorni scorsi i malviventi, da mesi gravitanti nella zona di Firenze, sono stati condotti in carcere con l’accusa di furto aggravato in concorso.

Lascia un Commento