SCOMMESSE: doppio sequestro nel Varesino

VARESE – Operazione da parte degli uomini della Guardia di Finanza in quel di Varese. I militari hanno scoperto, e di conseguenza posto sotto sequestro, due centri scommesse considerati abusivi, in quanto operavano attraverso un bookmaker di Malta, per il quale non disponevano della necessaria autorizzazione.

finanza

I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Busto Arsizio e della Compagnia di Gaggiolo hanno eseguito 2 interventi nei confronti di 2 operatori nel settore delle scommesse e del gioco d’azzardo.

I finanzieri hanno sottoposto al controllo due ditte individuali con sede legale e luogo di esercizio in Samarate e Malnate, le quali trasmettevano dati inerenti a dichiarazioni nazionali di giovate ad un noto allibratore maltese attivo nelle scommesse online, privo della Licenza di Pubblica Sicurezza.

I militari hanno rilevato la presenza di locandine, adesivi ed insegne pubblicitarie riportanti il logo del bookmaker, stampe riguardanti eventi sportivi nelle quali erano evidenziati il codice attribuito all’evento sportivo, l’orario dell’evento e l’indicazione dei soggetti su cui scommettere, nonché le quote attribuite a ciascuna tipologia di giocata espressamente indicate.

Inoltre, i Finanzieri hanno rilevato 10 monitor, utilizzati per la visione di eventi e risultati degli avvenimenti sportivi a disposizione della clientela, 2 computers, collocati sul bancone utilizzato dagli addetti per la trasmissione telematica delle scommesse.

Questi erano collegati alle relative stampanti, utilizzate per la stampa delle ricevute, lettori ottici di codici a barre per la lettura delle ricevute delle scommesse effettuate.

Ad ulteriore prova della condotta abusiva dell’esercizio, sono state rinvenute all’interno dei cestini portarifiuti circa 70 ricevute di altrettante scommesse effettuate tra la data dell’intervento e le date precedenti.

Pertanto, confermata l’assenza della concessione per la commercializzazione delle scommesse assegnata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Licenza di cui all’art. 88 del T.U.L.P.S., i Finanzieri di Gaggiolo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Varese il titolare della ditta individuale per il reato di “esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa”, sottoponendo a sequestro il materiale di cui sopra.

Analoga operazione di servizio è stata condotta dai Finanzieri di Busto Arsizio a Samarate che ha visto, anche in questo caso, l’utilizzo di personal computer, stampanti e monitor a disposizione dei clienti per l’illecita attività, nonché schede in bianco per l’effettuazione delle giocate.

La quantificazione delle imposte evase è ancora al vaglio degli inquirenti. La legale rappresentante è stata anch’essa deferita alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di “esercizio abusivo di attività di gioco o delle scommesse”.

Lascia un Commento