SCOMMESSE: sequestri e multe in quel di Napoli

NAPOLI – Controlli a tappeto da parte degli agenti della Polizia municipale in quel di Napoli. Al centro delle indagini svolte dalle forze dell’ordine c’erano soprattutto alcuni centri scommesse e diverse sale da gioco: al termine dei controlli sono state sollevate 13 multe, con un locale chiuso.

centro-scommesse

Nell’ambito delle attività di controllo svolte dalla Polizia Municipale di Napoli, gli agenti nelle scorse ore hanno intensificato i controlli presso i locali pubblici che esercitano sul piano delle scommesse sportive e come sale giochi nel capoluogo campano

Due i centri sanzionati nel quartiere Pianura, per aver permesso giocate ai minorenni; uno di questi era sprovvisto della Licenza di Polizia per cui veniva sottoposto alla chiusura per 10 giorni provvedimento eseguito tra il 14 ed il 23 agosto.

Dall’entrata in vigore dell’O.S. n. 103 sono stati gli esercizi controllati e sono state ben tredici le sanzioni contestate dagli operatori, soprattutto per il mancato rispetto degli orari di accesso previsti dall’ordinanza per un ammontare di 6.500 euro.

La maggiore concentrazione di tali esercizi e delle relative contestazioni si è riscontrata nella periferia occidentale e settentrionale. Nella fattispecie veniva riscontrata la presenza di un centro raccolta scommesse in viale Michelangelo aperto nelle ore di chiusura pomeridiana.

Il titolare del centro scommesse che è stato fatto chiudere, oltre ad essere sanzionato per la violazione veniva deferito all’Autorità Giudiziaria poiché sprovvisto delle Licenze di Polizia sebbene avesse aderito alla sanatoria prevista dalla Legge di stabilità 2014.

A denunciare il nuovo boom di centri scommesse e sale giochi sono stati i Verdi, i quali hanno espresso lo loro il pieno sostegno all’azione della polizia municipale, impegnata a far rispettare l’ordinanza che impone regole più stringenti per i gestori di sale gioco.

In particolare, il maggior controllo nei confronti dei locali che accettano le scommesse sportive viene effettuato soprattutto per prevenire eventuali comportamenti illegali da parte dei gestori, i quali usano le sale gioco anche per riciclare denaro sporco.

Si tratta dunque di una straordinaria operazione di pulizia favorirà chi opera nella legalità ed eviterà maggiormente il rischio di nuovi casi di ludopatia e per questo siamo pronti ad aiutare la polizia municipale a individuare chi lavora senza rispettare le leggi, come dichiarano i Verdi.

Lascia un Commento