SLOT MACHINE: efferato omicidio nel Milanese

BRESSO – Un omicidio efferato che ha, come sfondo, la presenza delle slot machine. Siamo a Bresso, in provincia di Milano, dove un uomo di 46 anni ha perso la vita in una sala slot, al termine di una violenta lite che avrebbe, alla propria base, la forte gelosia.

Carabinieri-posto-blocco-notturno

Un uomo di 46 anni è deceduto nella notte tra sabato e domenica a Bresso, comune dell’hinterland milanese, dopo aver ricevuto una coltellata in pieno petto al culmine di una violenta lite in una sala slot machine. L’allarme al 118 è arrivato verso le 23.30 di sabato 10 settembre.

Sul posto si sono subito recate le forze dell’ordine e il personale sanitario, con quest’ultimo che ha trasportato d’urgenza il 46enne in ospedale. Purtroppo i soccorsi non sono serviti: è deceduto poco dopo l’arrivo nel reparto di medicina d’urgenza a causa delle gravi dedite riportate.
Sono stati i carabinieri della compagna di Sesto San Giovanni ad arrestare l’uomo che sarebbe accusato di aver commesso l’omicidio: si tratta di un 56enne di nazionalità albanese, di cui non si conoscono le generalità, arrestato dopo una breve ricerca.

In collaborazione con i colleghi della compagnia di Bresso, ora i carabinieri di Sesto stanno indagando per ricostruire con esattezza la dinamica dell’omicidio e le ragioni della lite che ha scatenato la violenza che ha avuto luogo nella notte scorsa.

Stando a quanto è stato ricostruito finora nel corso delle indagini, fatte partire subito dopo la scoperta della lite e la morte del 46enne, il movente alla base della violenza sarebbe la gelosia, e non le slot machine come poteva sembrare in un primo momento.

Il sindaco di Bresso, Ugo Vecchiarelli, punta comunque il dito sulle slot machine dopo questo omicidio: “Sono stato stato tra i primi sindaci in Italia a cercare di porre un freno alle sale slot, ma il Tar due anni fa ci ha bocciato un’ordinanza ritenendo che non esista una emergenza. Questo è il risultato”.

“Ai sindaci servono strumenti di legge per poter agire – prosegue il primo cittadino di Bresso -. Saremo di nuovo al lavoro per provare a dare una stretta all’attività di queste sale per le slot machine, servono nuove norme che vadano a disciplinarne gli orari di apertura”.

Lascia un Commento