SLOT MACHINE: perde tutto, vuole buttarsi ma viene salvato

SAN MARTINO – Riceviamo ancora una storia di disperazione, legata al vizio per le slot machine. Un uomo di San Martino, in provincia di Verona, ha provato a togliersi la vita ieri. Per fortuna ci hanno pensato i carabinieri di zona a rintracciarlo e a salvarlo.

Slot machine carabinieri

Brutta fine per le slot machine

Una delle tante storie di disperazione per fortuna questa volta ha avuto un lieto fine. I carabinieri della stazione di San Martino Buon Albergo hanno salvato la vita ad un uomo. Aveva deciso che fosse giunto il momento di farla finita, a causa del vizio per le slot machine.

Sono da poco passate le 11.30, una pattuglia dei militari sta effettuando i controlli di routine in zona. Così, durant il proprio servizio nel centro abitato, è stata fermata da un cittadino. Con fare concitato, l’uomo stava indicando un uomo che minacciava di buttarsi giù.

Il soggetto indicato era salito in cima ad un palazzo di quattro piani da quelle parti. Così gli uomini dell’Arma hanno subito capito che non c’era nemmeno un secondo da perdere. L’uomo si trovava sdraiato sul tetto ed era sul punto di lasciarsi cadere.

I carabinieri allora, aiutati da una donna che abita nella stessa palazzina, si sono mobilitati. Sono saliti di corsa lungo le scale ed attraverso un abbaino sono giunti a loro volta sul tetto. Qui hanno trovato l’uomo, un 50enne della zona in preda alla disperazione più totale.

Era reduce dalla perdita di una forte somma di denaro alle slot machine, qualcosa di inaccettabile per lui. Era profondamente angosciato per l’accaduto, aveva ormai optato per l’opzione del suicidio. I carabinieri saliti fin sul tetto del palazzo, però, non potevano lasciarlo fare.

Lo spavento e il salvataggio

I due militari, in situazione di precario equilibrio anch’essi, hanno tentato di abbozzare una trattativa. Il loro principale obiettivo era quello di ricondurlo alla ragione, ma la situazione è precipitata. il 50enne infatti ha iniziato a lasciarsi andare, scivolando pericolosamente.

A quel punto i carabinieri, mettendo a repentaglio la loro stessa incolumità, lo hanno afferrato. L’uomo era molto pesante ed il rischio di essere trascinati giù era concreto. Ma i militari sono riusciti però a bloccarlo e, con molta fatica, a tirarlo nuovamente verso di loro.

Dopo il grande spavento, l’uomo è stato affidato ai sanitari del 118, nel frattempo accorsi sul posto. Ora è ricoverato in ospedale, presso il reparto di psichiatria.

Lascia un Commento