SCOMMESSE – Scoperti dalla GdF due centri abusivi nel catanese

La Guardia di Finanza di Paternò ha sequestrato questa settimana due centri scommesse, uno a Paternò e uno a Biancavilla, in provincia di Catania. Le fiamme gialle hanno infatti scoperto che i due centri erano abusivi, perché raccoglievano scommesse attraverso l’accesso online a siti di allibratori stranieri non autorizzati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Le due agenzie irregolari

Come detto sono due i centri irregolari scoperti dalla GdF in questi giorni. La notizia è stata riportata dai portali specializzati e va ad aggiungersi purtroppo a luna lunga lista di news su centri abusivi in tutta Italia.

In particolare uno dei due centri catanesi era attivo in un’associazione ricreativa di Paternò (Comune di 48mila abitanti), dove è stato identificato anche un giocatore intento ad effettuare una scommessa calcistica sul sito illegale. Sono state dunque sequestrate le apparecchiature utilizzate (computer, monitor e stampanti) e ricevute di gioco per un valore di circa mille euro.

L’altro centro scommesse abusivo era attivo in un bar-sala giochi di Biancavilla (Comune di 24mila abitanti) dove i finanzieri hanno sequestrato una postazione telematica collegata agli allibratori esteri, nonché 30 ricevute di gioco.

Denunciati i due titolari

I titolari delle due attività sono stati denunciati all’autorità giudiziaria etnea per il reato di cui all’art. 4 della legge 401/1989 (“esercizio abusivo dell’attività di gioco o di scommessa”), che prevede la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni.

Anche il soggetto sorpreso a giocare è stato segnalato all’autorità giudiziaria per la contravvenzione di cui al comma 3 del predetto articolo, che prevede quale sanzione l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda.

Prosegue insomma il lavoro delle forze dell’ordine in tutta Italia contro il gioco irregolare. Noi vi invitiamo a stare lontani da quei centri dove le scommesse non vengono fatti regolarmente a anche a denunciare se notate dei movimenti sospetti. Promuoviamo il gioco responsabile e legale.

Lascia un Commento