SLOT, 140mila euro di multa al proprietario di una sala torinese | Player News 24 Scommesse - Poker - Casino - Slot Machine - Fantasy Sport

SLOT, 140mila euro di multa al proprietario di una sala torinese

A Lingotto, quartiere di Torino, sono state rinvenute sei slot abusive e sprovviste di autorizzazione all’interno di un bar. Per questo l’esercizio commerciale, gestito da un 40enne di origine cinese, è stato sottoposto a pesanti sanzioni da parte della Guardia di Finanza. Gli agenti hanno sequestrato le slot sanzionando con 140mila euro di multa il proprietario dell’attività.

La sala slot sanzionata dalla GdF a Torino

Nella cantina di questo locale a Lingotto erano posizionati sei videopoker abusivi e sprovvisti di autorizzazione, che a quanto pare richiamavano all’interno del bar decine e decine di assidui giocatori d’azzardo. Per questo motivo l’esercizio commerciale torinese, gestito da un uomo 40enne di origine cinese, è stato sottoposto a dure sanzioni da parte della Guardia di Finanza.

Gli agenti delle fiamme gialle hanno sequestrato le videoslot illegali che avevano trasformato il bar in una vera e propria sala e slot improvvisata, con tanto di porta blindata per permettere l’ingresso soltanto a clienti abituali e selezionati. Ora il proprietario dell’attività rischia di dover pagare 140mila euro di multa!

Accertata anche un’evasione da 780mila euro

E non è tutto. Nel corso dei controlli sono infatti emerse altre irregolarità, soprattutto a livello di bilanci, con un’evasione accertata di circa 780mila euro da parte dell’imprenditore gestore del bar! Una somma importantissima che non poteva passare inosservata…

Tutto ciò dimostra che le slot sono uno dei mezzi ai quali ricorrono spesso i gestori disonesti per fare soldi illegalmente. Da tutta Italia arrivano infatti notizie su sequestri e chiusure di luoghi più o meno camuffati, dove le leggi non vengono rispettate e il gioco d’azzardo pare riscuotere successo. Per fortuna le forze dell’ordine sono sempre pronte a prevenire e intervenire quando necessario su tutto il nostro territorio.

Lascia un Commento