POKER, carabinieri arrestano 45enne durante un torneo a Campione

La passione per il poker è costata cara ad un 45enne di origine torinese, destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione risalente allo scorso mese di febbraio. Il reato è quello di violazione agli obblighi di assistenza famigliare e la pena residua da scontare è di 6 mesi di detenzione. I carabinieri avrebbero trovato l’uomo durante il torneo IPO di Campione.

casinò campione d'italia

La segnalazione e l’arresto a Campione

Si stava giocando questo weekend un importante torneo di poker live al casinò di Campione d’Italia, quando qualcuno ha segnalato ai carabinieri la probabile presenza di un ricercato. I militari di Imperia stavano cercando questo 45enne e ai colleghi dell’exclave sono bastate poche ore di attività di ricerca all’interno della casa da gioco per individuarlo e arrestarlo sabato sera verso le ore 21:30. Il torinese è stato quindi portato in carcere a Como, dove sconterà la pena che si merita.

L’uomo era riuscito a sfuggire alla giustizia per mesi ma è stato tradito dalla sua passione per il poker, a quanto pare. Una passione che ha deciso di soddisfare in un luogo pubblico. Il 45enne di Torino era ricercato da febbraio 2018 perché si era sottratto a un ordine di custodia cautelare che gli era stato indirizzato.

Sei mesi di detenzione per il 45enne

La possibile presenza dell’uomo nel casinò è stata segnalata dai carabinieri di Imperia, dove in questo momento ha la residenza. Dopo tre mesi la sua fuga è finita: il 45enne deve scontare sei mesi di carcere per aver violato gli obblighi di assistenza familiare.

Per la cronaca, il torneo in corso sabato sera era l’IPO sponsored by PokerStars, che metteva in palio 600mila euro garantiti di montepremi. A vincere è stato Simone Speranza, noto giocatore del live e dell’online che in passato un IPO lo aveva già messo nella propria bacheca personale.

Lascia un Commento