WSOP, 15° braccialetto per Hellmuth! Joe Cada ancora finalista nel Main

Alle WSOP 2018 di Las Vegas si è consumata una giornata incredibile che ha regalato due notizie molto interessanti. Prima il californiano Phil Hellmuth ha vinto il suo 15esimo braccialetto in carriera, incassando 485.082$ nell’evento n° 71 di questa edizione: un NL Hold’em da 5.000$ di buy-in. Poi nel Main Event si è composto il tavolo finale ufficiale dove Joe Cada sogna una clamorosa doppietta nove anni dopo il suo precedente trionfo…

braccialetto Phil Hellmuth WSOP Las Vegas

Il 15° braccialetto di Phil Hellmuth alle WSOP

Il famosissimo Phil Hellmuth era già il recordman delle World Series ma ha voluto allungare mettendosi al polso il 15esimo braccialetto d’oro della sua lunga carriera. Lo ha fatto imponendosi tra 452 entries nell’evento #71 della 49esima edizione delle Series, ovvero un NL Hold’em da 5mila dollari di buy-in, oltre 2 milioni di montepremi e 30 minuti a livello.

Hellmuth nell’heads-up finale ha recuperato lo svantaggio contro Steven Wolansky grazie a dei raddoppi provvidenziali. Alla fine un classico ‘lancio di monetina’ ha fatto partire i titoli di coda: Hellmuth l’ha spuntata nella mano decisiva con una coppietta di 3 contro A-9 di Wolansky.

A caldo dopo l’ennesimo risultato Hellmuth ha detto: “Non ero nemmeno sicuro di giocarlo questo torneo, mi ha convinto mia moglie a partecipare. Arrivavo da un momento negativo ma ho mantenuto la mia positività. Voglio ispirare la gente come hanno fatto Michael Jordan e Tiger Woods nei loro sport“.

I nove finalisti del Main Event di Las Vegas

Una mano incredibile ha messo fine al Day 7 del Main Event da 10.000$ di buy-in, oltre 74 milioni di montepremi e e 7.874 entries. Il cinese Yueqi Zhu è stato infatti eliminato in decima posizione quando è finito ai resti preflop con K-K contro A-A di Nicolas Manion e K-K del francese Antoine Labat! Gli assi hanno retto e così Labat è diventato il più player più corto del tavolo finale, mentre Manion è il chip leader con oltre 112 milioni di chips.

Tra tutti i superstiti spicca però soprattutto il nome di Joe Cada, che è già stato campione del mondo nel 2009. Nove anni fa Cada aveva solo 21 anni, ora è molto più esperto e vanta tre braccialetti in tutto nella sua bacheca personale. Riuscirà a bissare il successo nel Main? Lo scopriremo questo weekend. Ecco la composizone del final table nel quale si lotterà per una prima moneta da 8,8 milioni di dollari:

Seat 1 – Artem Metalidi, Ucraina – 15.475.000 (26 bb)
Seat 2 – John Cynn, USA – 37.075.000 (62 bb)
Seat 3 – Alex Lynskey, Australia – 25.925.000 (43 bb)
Seat 4 – Tony Miles, USA – 42.750.000 (71 bb)
Seat 5 – Nicolas Manion, USA – 112.775.000 (188 bb)
Seat 6 – Aram Zobian, USA – 18.875.000 (31 bb)
Seat 7 – Michael Dyer, USA – 109.175.000 (182 bb)
Seat 8 – Joe Cada, USA – 23.675.000 (39 bb)
Seat 9 – Antoine Labat, Francia – 8.050.000 (13 bb)

Lascia un Commento