L’assessore Armao pensa a casinò in Sicilia: “Per destagionalizzare il turismo”

Se a Roma è stato appena approvato il Decreto Dignità che combatte il gioco d’azzardo, in Sicilia si torna a parlare dell’idea di mettere in piedi un casinò sull’isola. Anzi, facciamo due. Ci ha pensato l’assessore regionale Gaetano Armao a riportare di moda il tema già trattato in passato da Silvio Berlusconi e non solo. Il momento storico, va detto, è molto particolare per i casinò…

armao casinò sicilia

L’assessore Armao pensa a dei casinò in Sicilia

Pensiamo fra le altre cose all’apertura di casinò in Sicilia, anche per incentivare la destagionalizzazione del turismo“. Lo ha detto l’assessore regionale all’economia Gaetano Armao, intervenendo nel corso di lavori d’aula all’Ars.

Armao ha aggiunto: “Si apre una stagione importante, è necessario un ripensamento complessivo dei rapporti Stato-Regione che punti alla piena applicazione degli articoli dello Statuto che riguardano la nostra autonomia finanziaria, perché oggi la Sicilia incassa meno di quello che prevede lo Statuto.

La Sicilia si sta allontanando progressivamente dal Paese in termini di risorse impiegate sul territorio e di investimenti, per questo occorre intervenire sulle norme finanziarie nei rapporti con lo Stato. Con la delibera approvata lo scorso 15 marzo il governo regionale ha inteso aprire un nuovo negoziato sulla nostra autonomia finanziaria“.

Ma il momento storico non è certo dei migliori

I casinò in Italia esistono solo nelle regioni frontaliere del nord, per contrastare l’efflusso di giocatori verso l’estero e per richiamare afflusso dall’estero. Eppure, come sappiamo, le nostre case da gioco sono alla corda per diversi motivi: la possibilità dei giocatori di muoversi facilmente verso altri casinò esteri, l’aumento esponenziale in pochi anni del gioco d’azzardo online; la diffusione dei giochi da tabacchino…

Viene da chiedersi dunque se sia il momento giusto per parlare di un altro casinò (o addirittura più di uno) in Italia. Forse le sorti di un casinò in Sicilia potrebbero essere molto diverse? Difficile da dire. Restiamo ovviamente in attesa di ulteriori sviluppi.

Lascia un Commento