Casinò, approvato il bilancio 2017: buco di 21,5 milioni

L’Assemblea dei soci della Casinò de la Vallée Spa ha approvato, in convocazione straordinaria, il bilancio d’esercizio 2017. Il provvedimento si è reso necessario a seguito della mancata concessione da parte del tribunale della procedura di concordato preventivo in bianco, avanzata dall’amministratore unico per superare l’attuale crisi finanziaria.

casino saint-vincent

 

Il documento contabile prevede un rosso di 21,5 milioni di euro. L’amministratore unico Filippo Rolando, al termine dell’assemblea dei soci che ha approvato il bilancio 2017, ha spiegato che “il concordato è l’unico strumento per evitare l’apertura di un procedimento irreversibile“.

Rolando ha aggiunto: “Lunedì prossimo presenteremo la nuova istanza di concordato comprensiva del bilancio. Le cifre sono rimaste le stesse ed è stata inserita una nuova relazione ad integrazione del bilancio. O si approvava il bilancio o si saltava“.

Rolando: “Senza soluzioni chiedo fallimento”

Leggiamo ancora le parole di Rolando: “Se si lavora bene un piano si riesce a tirare fuori. Se non fosse possibile, mi assumerò le responsabilità. Se vedo che non c’è spazio di soluzione sarò io a chiedere il fallimento. Auspichiamo che il tribunale ci consenta di accedere a questo istituto“.

L’amministratore ha infine detto di “non avere intenzione di chiedere soldi alla Regione“. L’assessore regionale alle Finanze, Stefano Aggravi, ha risposto così alle domande dei giornalisti: “Non ho nessun rimpianto per la mancata concessione dei 6 milioni di euro previsti da una legge regionale“.

Questo riporta l’agenzia ANSA e non solo. Restiamo in attesa dunque degli ulteriori sviluppi dei prossimi giorni. Speriamo che Saint-Vincent non faccia la fine di Campione.

Lascia un Commento