La numerologia nel gioco: il significato dei numeri

numerologia

La numerologia, conosciuta anche come gemetria, è il cosiddetto studio delle relazioni possibili fra i numeri, gli oggetti fisici e gli esseri viventi. Le relazioni possono essere di natura esoterica o mistica.

Oggi considerata una pseudoscienza, era una pratica comune tra i primi matematici, fino Pitagora che sosteneva che la realtà ultima fosse la matematica e la utilizzava anche per ammettere o no gli studenti alla sua scuola. La numerologia ha avuto propaggini che si sono estese fino ai giorni nostri: durante il Rinascimento, per esempio, era una disciplina piuttosto
popolare; nel 1591, addirittura, fu pubblicato un trattato a opera di Pietro Bongo, scrittore che durante la sua vita si interessò alla teologia e all’occultismo, il Trattato di numerologia per l’appunto.

Secondo gli appassionati di numerologia, questa disciplina può aiutare a definire la personalità di un individuo: assegnando a ogni lettera del nome e del cognome il numero corrispondente è possibile far luce su tutti gli aspetti della personalità, compresi i lati oscuri.

La numerologia assegna un significato simbolico (e, di conseguenza, un determinato potere) a ogni numero: per esempio, l’Uno è considerato simbolicamente “la sorgente di ciò che esiste”, dunque gli viene attribuito un grande potere, così come al Tre, numero che ricorre in diverse religioni (Uno e Trino è il Dio Cristiano), al Sette (legato alle Sacre Scritture) e al Sei, legato invece alla bellezza e all’armonia (è il risultato della somma e della moltiplicazione dei numeri 1, 2 e 3).

Dalla numerologia deriva la credenza dei numeri fortunati e sfortunati, così come le varie teorie apocalittiche legate a date (vi ricordate il millennium bug o, più di recente, la fine del mondo preannunciata dal calendario Maya?).

Ma cosa c’entra questa affascinante disciplina – più vicina all’astrologia che alla scienza – con il poker, la roulette e gli altri giochi tipici del casinò? C’entra se consideriamo che nei giochi di carte alcuni numeri hanno un significato preciso.

numerologia

Il 6, per esempio, nel gioco della roulette è considerato un numero sfortunato a causa del 666, numero della Bestia nel libro dell’Apocalisse di Giovanni. Nella cultura asiatica, invece, viene considerato un numero fortunato: in ogni caso, è lo spauracchio di chi gioca alla roulette perché la somma di tutti i numeri della roulette stessa è proprio 666.

Il 7, al contrario, veniva considerato il numero perfetto dai greci; nella Bibbia, la Creazione dura 7 giorni (e il settimo giorno Dio si riposò), erano 7 le divinità romane ed egizie, tuttavia in alcune culture asiatiche (Vietnam, Thailandia, Cina) il 7 è considerato un numero sfortunato, un po’ come il 13 nella cultura occidentale, numero a cui è associata addirittura una fobia, la triscaidecafobia: il motivo sta nel fatto che Giuda, il traditore di Cristo, era il 13esimo ospite dell’Ultima Cena.

Il 3 è considerato fortunato o sfortunato a seconda della cultura: considerato il numero della Trinità, viene associato alla fortuna in Italia, alla sfortuna in alcune culture orientali, così come il 4, il 9 e il 17 (numero della sfortuna per antonomasia nel nostro paese). Nessun giocatore che si rispetti gioca mai di venerdì 17! Secondo la tradizione cinese, infine, l’8 è un numero fortunato, meglio ancora una serie di 8 (in India, invece, è un numero legato alla sfortuna).

Nel gioco, la superstizione legata ai numeri si associa ad altri tipi di superstizioni, tra comportamenti da adottare (e non adottare) e talismani da indossare: soffiare sui dadi e accendere tutte le luci di casa prima di giocare, per esempio, si pensi portino fortuna al giocatore.

Tuttavia, è bene ricordare che il poker è soprattutto un gioco di abilità, in cui più che la numerologia contano la matematica e il calcolo delle probabilità: la conoscenza dell’algebra aiuta moltissimo nel gioco del poker, che è un gioco tutt’altro che affidato al caso, ma legato a precisi modelli matematici (oltre che alla capacità di gestire le emozioni e saperle dissimulare).

Insomma, se volete aver successo nel poker, appropriatevi delle scienze matematiche… e mettete da parte la superstizione!

Lascia un Commento