SCOMMESSE, 14 arresti in Spagna: truccavano partite minori di tennis

È stata ribattezzata Operacion Bitures l’azione guidata dalla Guardia Civil spagnola che ha portato a 14 arresti e 40 indagati, eliminando un’organizzazione che otteneva guadagni illeciti truccando incontri di tennis in circuiti minori. Il nome di spicco è quello di Marc Fornell-Mestres, che in carriera ha oltre 1.500 incontri all’attivo e 200mila dollari guadagnati.

scommesse tennis spagna

La banda truccava le partite di tennis in Spagna

Secondo le indagini, a capo di tutto c’era un mafioso di origine armena, tale Melkumyam, residente a Valencia; il gruppo era specializzato nelle scommesse sportive ma non disdegnava neppure il traffico di droga e tabacco, i furti o il riciclaggio e l’estorsione di denaro.

Il tennis purtroppo è terreno fertile per le scommesse illecite e e Melkumyan si era concentrato sui tornei di basso livello, contattando vari giocatori tra cui spicca il nome di Marc Fornell-Mestres.

Il 36enne è attualmente il numero 438 nel ranking ATP. In carriera ha raggiunto la posizione 167 in doppio e 235 in singolare. All’attivo ha oltre 1.500 incontri e 235mila dollari di guadagni. È amico di David Marrero, nome già noto nelle scommesse illecite sul tennis.

Fornell all’inizio truccava i suoi incontri utilizzando dei prestanome che scommettevano in sua vece. Poi si riciclava in reclutatore quando temeva di essere sott’occhio. Nei prossimi giorni verrà interrogato assieme al capo banda armeno e ad altre sette persone arrestate.

Gli altri tennisti e i dettagli della frode sportiva

Altri giocatori avrebbero fatto parte del gruppo: Marcos Giraldi, Jordi Marsé Virdi, Marcos Torralbo-Albos. Tutti loro avrebbero truccato i loro incontri e reclutati altri colleghi.

Le possibilità di guadagno, del resto, erano alte: si parla di mille euro per un break subito e di 5mila per un singolo match. La rete di guadagni è stata stimata sui 2 milioni di euro. Secondo le indagini i tennisti non ottenevano solo un guadagno fisso ma anche una percentuale sulle scommesse.

Le operazioni si svolgevano soprattutto sul mercato spagnolo. Strano, visto che il mercato asiatico è solitamente il preferito per questo genere di attività. Venivano utilizzati account rubati (o comprati) di cittadini spagnoli in modo da poter aver più conti disponibili e sfuggire ai controlli. Il circuito di pagamento più utilizzato era Skrill. I soldi venivano poi riciclati in altre attività.

Lascia un Commento