Casinò, 168 licenziamenti a Saint-Vincent per un risparmio di 11 milioni

Sono 168 i licenziamenti previsti alla Casinò de la Vallée spa nell’ambito del piano previsto dal concordato preventivo. Il dato è stato fornito dall’amministratore unico Filippo Rolando durante un’audizione in quarta commissione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta. Il manager ha anche annunciato che i circa 100 contratti a tempo determinato non verranno rinnovati.

licenziamenti casinò saint-vincent

Lettere inviate a 168 lavoratori di Saint-Vincent

Martedì 4 dicembre sono state inviate delle lettere che aprono le procedure di licenziamento collettivo per 168 lavoratori: 104 lavorano al casinò e 64 nelle strutture alberghiere annesse. L’operazione permetterà il recupero di 11 milioni di euro. I lavoratori con contratto a tempo determinato che non godranno del rinnovo sono invece 107.

Claudio Albertinelli (Savt) ha detto: “Non abbiamo avuto alcuna risposta dalla Regione e porteremo questa situazione in assemblea. Non c’è margine per fare delle proposte, non ci sono margini di trattativa, la situazione è precipitata. Ci chiediamo come può quest’azienda operare con una riduzione simile di personale“. In totale la Casinò de la Vallée spa può contare su 572 dipendenti. L’assemblea dei lavoratori si è tenuta alle 19:00 al Grand Hotel Billia di Saint-Vincent.

Calcolati 11 milioni di risparmio per il casinò

Il risparmio stimato dalla Casinò de la Vallee spa con i licenziamenti ammonta a circa 65mila euro a dipendente. Una somma che si aggiunge ai risparmi per il mancato rinnovo dei contratti a termine e per l’applicazione del contratto del comparto turistico, che prevederebbe stipendi mensili non superiori mediamente a 1.500-2.000 euro. È anche prevista l’applicazione del contratto del comparto turistico dal gennaio 2019.

Lascia un Commento