Calciomercato, occhio alle quote sugli attaccanti in partenza

Le squadre di Serie A tornano ad allenarsi dopo le vacanze invernali e il calciomercato, contestualmente, entra nel vivo. Le trattative in piedi sono tantissime e sono tanti anche i top player che hanno il futuro in bilico. Occhio in particolare ai grandi nomi dell’attacco che smuovono sempre le fantasie dei tifosi…

quote calciomercato attaccanti cavani psg

Le quote sui bomber Dzeko e Cavani

Partiamo da Medhi Benatia, che alla Juventus non trova spazio: la quota relativa al suo addio è di 3,00. La sua destinazione più probabile al momento pare il Milan che starebbe pensando di liberarsi di Higuain.

Non si è inserito bene nel Barcellona l’ex juventino Arturo Vidal, la cui cessione vale 5,50 volte la posta. Il cileno potrebbe anche tornare in Italia. In casa Milan, intanto, potrebbe partire pure Calhanoglu (eventualità bancata a 4,00).

Attenzione anche a Dzeko, a un passo dal Chelsea un anno fa: che il bosniaco lasci la Roma è un’opzione proposta a 7,50. A Napoli sognano il ritorno di Cavani, il cui addio al Psg vale 4,50 volte la posta. Può finire al Chelsea di Sarri?

Facile che a lasciare il Milan sia invece Bertolacci: il suo trasferimento si può giocare a 1,15. Al contrario, sembra che Montolivo voglia rimanere a disposizione di Gattuso per giocarsi le proprie carte fino in fondo.

Le altre trattative di calciomercato

In queste ore il Chelsea sta dominando la scena, piazzando un doppio colpo per il centrocampo dopo l’addio di Cesc Fabregas, promesso sposo al Monaco. Il club londinese avrebbe in pugno Nicolò Barella del Cagliari (50 milioni di euro) e Leandro Paredes, ex Roma e dal 2017 in forza ai russi dello Zenit San Pietroburgo.

Per il 21enne centrocampista azzurro, i Blues hanno battuto la concorrenza di Inter e Napoli, che a lungo lo hanno corteggiato. Un ulteriore indizio è rappresentato dal fatto che i sardi hanno già in pugno l’erede del centrocampista azzurro, Nahitan Nandez: il Boca ha accettato l’offerta da 21 milioni di euro, ma resta ancora distanza sulla modalità di pagamento, uno scoglio che sarà superato una volta che i londinesi staccheranno l’assegno per Barella.

Lascia un Commento