Si scommette ancora sul futuro di Mourinho: Milan e Juve tra le mete possibili

Per la terza volta in carriera Josè Mourinho è stato esonerato e si continua a parlare del suo futuro. L’ex calciatore portoghese ha dovuto dire addio al Manchester United che si è rivolto allora a una vecchia gloria come Ole Gunnar Solskjær.

quote mourinho calcio

Le quote sul futuro di Mourinho

Dopo il leggendario Alex Ferguson, “The Special One” è l’allenatore che ha resistito di più sulla panchina dei Red Devils, vincendo tre trofei. Ed ora quale sarà la prossima avventura di Mourinho? I bookie continuano a offrire quote su quale sarà la nuova squadra guidata dal tecnico.

In lavagna Matchpoint la prima scelta dei bookie cade su una Nazionale, in particolare il Portogallo, patria di Mourinho, a quota 4.00.

A 6.00 c’è la possibilità che Josè torni ad allenare i Blancos di Madrid, attualmente allenati da Santiago Solari. Bayern Monaco e il suggestivo ritorno all’Inter, sono quotati a 7.50.

I nerazzurri però non sono l’unica opzione in Serie A. A 16.00 c’è il Milan, mentre a 25.00 la Juve di Allegri. Sarebbe davvero strano vedere Mou sulla panchina dei bianconeri, storici rivali… Infine a quota 50.00 abbiamo l’arrivo di Mourinho alla Roma di Di Francesco oppure al Napoli di Ancelotti. Che dite, sarebbe bello rivedere Mourinho dalle nostre parti oppure no?

Occhio anche al Benfica

Nonostante l’addio turbolento con il Manchester United, figlio di un avvio di stagione dei Red Devils a dir poco da dimenticare, José Mourinho resta uno degli allenatori più corteggiati. Le offerte per l’ex Inter arrivano anche dalla Cina e dal suo Portogallo.

Il Benfica, attualmente terzo in Primeira Liga a -7 dal Porto capolista e presto impegnato nei sedicesimi di finale di Europa League, vorrebbe infatti riportare in patria Mourinho, come raccontato dal presidente Luis Felipe Vieira. “Conosco José e sono suo amico, ma non ho parlato con lui. Chiaro che a tutti piacerebbe averlo, se ci dovesse dire di sì lo prenderemmo domani mattina. I soldi non sono un problema: se ci fosse Mourinho anzichè avere 27 giocatori ne potremmo avere 21 o 22“. Vieira è insomma disposto a fare dei sacrifici importanti pur di convincere lo Special One, che dovrebbe aspettare l’estate prima di prendere una decisione sul proprio futuro

Lascia un Commento