Rovinato dalle slot, tenta colpo da 300 euro nello stesso bar

Un commerciante 35enne, rovinato dalle slot machine, ha tentato un colpo nel bar dove aveva giocato ma è stato immediatamente arrestato. Il fatto è avvenuto nello scorso weekend in un esercizio pubblico di Ceprano, comune di circa 9mila abitanti in provincia di Frosinone.

SLOT

Il 35enne protagonista di questa brutta storia gestisce proprio a Ceprano, insieme alla moglie, un supermercato di generi alimentari. Dopo aver realizzato di aver dato fondo anche agli incassi della giornata, in preda alla disperazione ha tentato di entrare nel bar dove aveva perso gli ultimi soldi che aveva. Una volta penetrato all’interno ha preso la cassa (contenente 300 euro) ed è fuggito con la refurtiva.

Rovinato dalle slot e tradito dalle telecamere

In quello stato di grande agitazione l’uomo ha dimenticato di coprirsi il volto per non essere identificato dalle telecamere. E proprio grazie all’impianto di videosorveglianza che lo aveva immortalato i carabinieri sono riusciti subito ad individuarlo e a far scattare le manette ai suoi polsi. Lui voleva riprendere almeno il denaro che faceva parte dell’incasso del suo supermercato, altrimenti la moglie avrebbe chiesto spiegazioni.

La confessione del commerciante ludopatico

Al giudice il protagonista della triste vicenda ha raccontato di essere malato di ludopatia, l’ormai nota malattia che porta il soggetto a non poter fare a meno del gioco d’azzardo. Una patologia che portato l’uomo ormai sul lastrico. In un anno ha speso decine di migliaia di euro, spesso nascondendo tutto ai familiari. Si recava in quel bar per tentare la fortuna, per sperare di essere baciato dalla dea bendata. Ma invece di vincere ha continuato a perdere. Presso il tribunale di Frosinone, alla presenza del legale difensore Giampiero Vellucci, si è tenuta la convalida dell’arresto.

Lascia un Commento