Puntate e vincite sospette sulla Serie B greca: tre denunciati a Rimini

Come riportato dalla stampa locale in queste ore, un cittadino italiano e due albanesi sono stati segnalati alle fiamme gialle per un sospetto giro di scommesse legato a una partita di una anonima squadra della serie B greca. I reati ipotizzati nella denuncia sono di truffa pluriaggravata, frode in competizione sportiva e riciclaggio.

calcio soldi porta rimini grecia

400mila euro vinti a Rimini e dintorni

L’avvocato Enrico Graziosi si è mosso per conto di due società concessionarie della raccolta di scommesse su eventi sportivi che lo scorso 17 febbraio hanno bloccato il pagamento delle vincite su di un partita per scommesse sospette.

Il match era quello tra Larissa e Aiginiakos, partita finita 3 a 2 e sulla quale c’era una interessante quota a 27,00 proposta dai bookmaker. In quel match il primo tempo era terminato sul 2 a 0 e poi abbiamo assistito a una clamorosa rimonta nel secondo tempo. Una rimonta che ha regalato vincite per 400.000 euro nel riminese.

Le società concessionarie si sono insospettite quando hanno ricevuto qualcosa come 240 giocate identiche dagli scommettitori, presentatisi in quattro sale scommesse: 2 a Rimini, 1 a Riccione e 1 a Napoli.

Le telecamere hanno immortalato i volti

Oltre ad un’indagine interna, fatta partire dagli stessi gestori, era stata fatta anche una segnalazione alla Guardia di Finanza ed ai Monopoli di Stato. Da qui erano state acquisite tutte le videocamera del servizio di sorveglianza delle diverse sale scommesse: nelle immagini erano stati immortalati i volti dei vari scommettitori, habitué delle sale.

Nei giorni successivi alle scommesse, in molti si erano subiti rivolti alle sale per incassare le loro vincite, alcuni addirittura con avvocati al seguito. E ora arriva la nuova svolta. La palla passa alla procura della Repubblica.

Lascia un Commento