Terremoto a Roma: in quota la cessione del club dopo l’addio di Totti

Prima l’addio di Daniele De Rossi da calciatore, poi quello di Francesco Totti da dirigente. Gli ultimi sviluppi in casa Roma sono segnali eloquenti di una situazione complicata. Anche i bookmakers se ne sono accorti.

totti roma

Le quote sulla Roma

Le difficoltà nell’iter del nuovo stadio, il taglio al monte ingaggi, una dirigenza ritenuta inadeguata da buona parte dei tifosi. Questi sono tutti elementi che, secondo i bookmaker, potrebbero portare alla cessione della club entro il prossimo anno.

In particolare la nota sigla Sisal Matchpoint quota a 6,00 l’addio della proprietà americana entro un anno (la scadenza è fissata al 30 giugno 2020). In futuro potrebbe quindi aprirsi un nuovo capitolo in giallorosso per i due ex capitani.

Il comunicato ufficiale della Roma

Il club giallorosso sul proprio sito ha voluto fare chiarezza sulla questione: “Il Club è estremamente amareggiato nell’apprendere che Francesco Totti ha annunciato di lasciare la Società e di non assumere la posizione di Direttore Tecnico dell’AS Roma. Gli avevamo proposto questo ruolo dopo la partenza di Monchi ed eravamo ancora in attesa di una risposta.

Eravamo pronti a essere pazienti con Francesco e ad aiutarlo a mettere in pratica questa trasformazione da grande calciatore a grande dirigente. Il ruolo di Direttore Tecnico è la carica in cui credevamo potesse crescere e in cui ci siamo proposti di supportarlo durante la fase di adattamento“.

Si parla poi di fatti inventati: “Nonostante comprendiamo quanto sia stato difficile per lui decidere di lasciare l’AS Roma dopo trent’anni, non possiamo che rilevare come la sua percezione dei fatti e delle scelte adottate dal Club sia fantasiosa e lontana dalla realtà.

Riguardo ai ripetuti riferimenti al suo possibile ritorno con l’insediamento di una nuova proprietà, in aggiunta alle informazioni raccolte da lui stesso in tutto il mondo circa soggetti interessati al Club, ci auguriamo che questa non sia un’anticipazione inopportuna di un tentativo di acquisizione: scenario che potrebbe essere molto delicato in considerazione del fatto che l’AS Roma è una società quotata in borsa. La proprietà non ha alcuna intenzione di mettere la Roma in vendita adesso o in futuro”.

Lascia un Commento