Divieto pubblicità dei giochi, Butti (FdI): “Risarcire il sistema sport”

Il deputato Alessio Butti (Fratelli d’Italia) ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Economia e al ministro della Salute insieme ai colleghi Frassinetti, Mollicone e Caiataper. La richiesta è un risarcimento del sistema sport in seguito al divieto di pubblicità dei giochi previsto dal Decreto Dignità.

alessio butti fdi sport

Il deputato 54enne Butti ha presentato un’interrogazione per sapere «quali iniziative il Governo intenda assumere per indennizzare il “sistema sport” e il sistema televisivo e dei media da una perdita stimata rispettivamente in 70 e 100-150 milioni di euro», in seguito al divieto di pubblicità dei giochi previsto dal Decreto Dignità.

Le parole del deputato Alessio Butti

Butti chiede anche «se non ritenga il Governo, vista la criticità del momento economico del Paese, adottare iniziative per uno slittamento dell’applicazione delle citate norme per un’altra stagione sportiva (fino al 31 maggio 2020) per consentire ai club di calcio e alle altre leghe e alle società sportive delle altre discipline sportive di poter introitare nuovamente ricavi utili per i progetti sportivi, anche attraverso la sottoscrizione di contratti di sponsorship con il mondo del betting, e attraverso una diversa regolamentazione delle scommesse sportive (la cui titolarità spetta proprio al mondo dello sport), semmai veicolando parte di questi maggiori importi alle infrastrutture, ai giovani, alla formazione, alla lotta alle scommesse clandestine e alla ludopatia».

Infine, Butti chiede «se non si ritenga di adottare iniziative normative per armonizzare la disciplina di settore evitando eccessivi limiti alla libertà di impresa» e «per quale motivo il Governo non abbia ancora aperto il tavolo di confronto per una rivisitazione della regolamentazione, nonostante quanto previsto nello stesso articolo 9» del Decreto Dignità.

Lascia un Commento