La denuncia della procura Antimafia: “Sport a rischio infiltrazione mafiosa”

Lo sport fa fatica a liberarsi delle infiltrazioni mafiose. E allora ecco che arriva l’allarme lanciato dal procuratore antimafia Cafiero De Raho in tal senso.

Le scommesse illegali, la manipolazione delle gare, le devianze nell’organizzazione di grandi eventi, la turbativa degli appalti e il doping sono tutte fattispecie nelle quali le mafie possono infiltrarsi e condizionare lo sport. Le mafie italiane guadagnano cifre enormi con il traffico degli stupefacenti e utilizzano le imprese per riciclare parte di questi guadagni. A questo proposito siamo preoccupati per le grandi società sportive per le quali l’interesse delle mafie sta crescendo attraverso l’azione di mediatori e prestanome“.

Questo è quanto ha dichiarato Federico Cafiero De Raho, procuratore nazionale antimafia. Alla base del suo allarme, lanciato durante il World congress on Global Leadership & Anticorruption in Sport, c’è il rapporto tra sport e organizzazioni mafiose. E le sue parole sono molto dirette e ben assestate, come possiamo leggere a seguire.

L’allarme del procuratore antimafia

Tutte le competizioni su cui si scommette sono a rischio, e quelle minori non fanno certo eccezione. Anzi sono quelle in cui la corruzione si sviluppa più facilmente“. E poi ci sono alcune parole relative al fenomeno delle scommesse online, sempre molto pericolose soprattutto nel mercato cosiddetto sommerso. “Ci sono state grandi inchieste, penso all’indagine Gambling del 2015, e alle indagini recenti che hanno dimostrato l’attività illegale di società che operavano al largo raggio“.

Per contrastare le inflitrazioni – conclude il procuratore antimafia – è necessaria poi la collaborazione continua tra autorità giudiziarie e gli organismi che tutelano la correttezza nello sport. Va scardinato poi il sistema delle scommesse illegali su siti non autorizzati. Vanno vietate le giocate sui campionati minori, più vulnerabili. Bisogna mettere a punto una disciplina che tuteli chi denuncia“.

Lascia un Commento