Operazione Jackpot, tutti i guadagni di Nicitra

Salvatore Nicitra era l’imperatore del gioco d’azzardo a Roma Nord. Questo è quanto è stato svelato dagli inquirenti nell’ambito dell’Operazione Jackpot, chiusa due giorni fa.

“L’ultimo movente, immutato nel tempo, resta il controllo del territorio e delle relative attività economiche nel settore del gioco d’azzardo ed illegale, dell’usura e dell’estorsione, con le collaterali attività di riciclaggio”. Questo è il riassunto fatto dal Giudice per le indagini preliminari di Roma. E il soggetto di cui si parla è Salvatore Nicitra.

L’ex boss della Banda della Magliana è il reggente di un gruppo che è stato sgominato nell’ambito della operazione Jackpot. Con lui sono finite in manette altre 37 persone. Tutti i soggetti arrestati sono stati al centro di un’ordinanza di custodia cautelare, per associazione a delinquere a vario titolo.

Oprazione Jackpot, le sfumature

Nel corso della conferenza stampa in cui sono stati svelati i dettagli, si è tracciato il profilo di Nicitra. L’uomo, in una intercettazione carpita dagli inquirenti, svelava con soddisfazione e orgoglio il nuovo business che gli stava regalando tanti guadagni in maniera illegale. “Io qui avevo le case da gioco più importanti di Roma e d’Italia io facevo il gioco con i soldi che guadagnavo neanche il casinò li guadagnava io”, diceva ai suoi interlocutori.

Il gip scrive che Nicitra esercitava “n’egemonia assoluta per quanto attiene il gioco d’azzardo – lecito ed illecito – e in particolare sulla gestione dei giochi d’azzardo virtuali”. Con la sua gang, eludeva completamente i controlli dei Monopoli di Stato. Per gestire in via diretta ed ufficiale tali attività apparentemente lecite, Nicitra si serve di diverse società tutte intestate a prestanome.

“In ragione di una sorta di intimidazione silente, Nicitra e i suoi sodali si riescono ad imporre, facendo leva sul suo noto spessore criminale”, svela il gip. Le sue dichiarazioni vengono riportate su Il Messaggero andato in edicola oggi. Nicitra teneva sotto controllo ben 181 sale per il gioco d’azzardo, tra slot machine e videopoker.

Lascia un Commento